polpo in pignata (1)

Polpo in pignata

Il polpo in pignata è una ricetta tradizionale pugliese che prende il nome dalla pentola in terracotta dove tradizionalmente veniva cotto accostandolo al fuoco del camino. Essendo in terracotta, questa pentola tenderà a scaldarsi lentamente, ad immagazzinare il calore e rilasciarlo per lungo tempo al cibo in cottura. Tradizionalmente, i tegami in terracotta venivano utilizzati per la preparazione di ogni tipo di alimento dalla carne al di pesce fino anche alle zuppe di legumi. Grazie alla qualità intrinseca della terracotta e della cottura con il fuoco, questo processo di cottura rende le pietanze particolarmente succulente e morbide ottenendo così dei risultati straordinari anche con alimenti di difficile cottura. In questa ricetta vedremo come utilizzare la pignata nel kamado Monolith ed eseguiremo una ricetta semplicissima ed allo stesso tempo deliziosa, ottenendo delle carni morbidissime ed un sughetto saporito con cui bagnare dei crostini di pane. Il segreto per avere un polpo saporito e morbido è quello di non aggiungere acqua per la cottura, il polpo si cuocerà con la sua acqua. Inoltre, la cipolla è l'elemento chiave per ottenere il gusto tradizionale della ricetta pugliese, infatti, si dice che “la morte del polpo è la cipolla”.

polpo in pignata (1)

Ingredienti
  • 1 Kg di polpo
  • 4 pomodori grossi e maturi
  • 1 cipolla grossa
  • 2 foglie di alloro
  • Prezzemolo q.b.
  • 2 spicchi di aglio
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Pane per bruschette
  • Sale (pochissimo)
  • Pepe q.b.

polpo in pignata (1)

Preparazione degli alimenti e della pignata

In una pignata aggiungete l’olio extravergine di oliva, gli spicchi d’aglio, le foglie di alloro ed il polpo. Lavate i pomodori e tagliateli a pezzi, tagliate la cipolla in pezzi grossolani ed aggiungeteli al resto degli ingredienti nella pignata. Spolverate con un pizzico di pepe e pochissimo sale. Siamo pronti per la cottura.

polpo in pignata (1)

Preparazione del kamado e cottura degli alimenti

Per questa ricetta abbiamo utilizzato il modello LeChef di Monolith .

Procedete come di seguito:

  1. Posizionate 1 kg di carboni tutti da una parte del cestello ed accendeteli.
  2. Lasciate aperto l’accesso dell’aria in modo tale da avere carboni ardenti.
  3. Raggiungete e stabilizzate la temperatura intorno ai 200°C chiudendo il coperchio.
  4. Mettete a cuocere il polpo in pignata posizionando la pentola vicino ai carboni.
  5. Fate cuocere la carne per circa un’ora o fino a quando la forchetta non infilzerà facilmente il polpo.
  6. Chiudete l’entrata e l’uscita dell’aria del monolith e lasciate che il polpo continui la cottura nel kamado per almeno una mezzoretta (se volete anche più tempo).
  7. Prendete un piatto capiente e mettete il polpo con il sughetto che si sarà formato e servitelo con un po' di prezzemolo fresco e dei crostini di pane.

polpo in pignata (1)

Sandro Annese

Sandro è uno Chef ed un esperto “grigliatore” che da anni si dedica con passione sia al mondo della cucina che a quello del barbecue e alla griglia. Laureato in Biotecnologie Industriali lavora come manager in una importante multinazionale. Parmigiano d’adozione ma pugliese di nascita, si è sempre dedicato sin da bambino alla cucina, con una predilezione particolare alle cotture della carne e del pesce alla griglia o al barbecue, alla cottura di focacce, pane e pizze al forno a legna.

Sandro è uno Chef e consulente dell'Accademia Monolith e fa anche parte di MONOElite, la squadra ufficiale Italiana di dimostratori Monolith che raccoglie esperti grigliatori non professionisti.

Scarica qui il libro di Monolith con 10 ricette tradizionali italiane realizzate tutte da Sandro con la prefazione di Dario Cecchini.

sandro annese

Scopri un nuovo modo di viaggiare nel mondo con Monolith

Scopri tante ricette internazionali sui siti web Monolith degli altri paesi. Clicca sui seguenti link e inizia un viaggio culinario utilizzando le ricette Monolith:
ricette francesi, ricette tedesche e ricette spagnole.

Se sei arrivato fino a qui non ti rimane altro che condividere con i tuoi amici questo post.

tenuta sette ponti onlus

Pranzo in vigna nella Tenuta Sette Ponti in Toscana

Pranzo in vigna nella Tenuta Sette ponti in Toscana, un evento benefico in favore della Onlus Associazione Italiana Persone Down di Arezzo.

Dopo l'evento di Gelinaz a Noto in Sicilia, Monolith continua a sponsorizzare eventi a carattere benefico. Questa volta andremo in Toscana e precisamente nella Tenuta Sette Ponti dove Sabato prossimo 25 settembre si terrà un pranzo in vigna per supportare una raccolta fondi a favore della Onlus Associazione Italiana Persone Down di Arezzo. L’evento si terrà proprio alla fine della vendemmia dove i ragazzi della Onlus hanno avuto la possibilità di vivere l’esperienza meravigliosa della raccolta delle uve.

tenuta sette ponti onlus
Crediti: Daniele Binco

Il pranzo

L'evento è organizzato dalla Famiglia Moretti, che oltre alla Tenuta Sette Ponti annovera altre due cantine in Toscana: Orma a Bolgheri e Poggio al Lupo in Maremma, e in Sicilia il Feudo Maccari e la Contrada Santo Spirito di Passopisciaro. Potete scoprire tutte le cantine ed i loro vini sul loro sito a questo link. 

Il pranzo si svolgerà sabato 25 Settembre alle ore 13.00 e sarà solamente su prenotazione. Sarà caratterizzato da un menù studiato e preparato dallo Chef stellato Marco Stabile del Ristorante L’Ora d’aria di Firenze. Un pranzo di 4 portate, dall’antipasto al dolce. Il costo del pranzo sarà di 120,00 Euro a persona e potrà essere prenotato fino ad esaurimento dei posti ai riferimenti in fondo.

tenuta setteponti

Le aziende a supporto dell'iniziativa

Oltre a Monolith, che si occuperà della cottura della carne, sono coinvolti la rinomatissima azienda Piemontese di produzione di riso Acquerello, l'azienda toscana Marchetti che produce pani e lievitati, l'azienda Fracassi per la fornitura delle carni ed infine Sammontana che non ha bisogno di prenotazioni.

pranzo in vigna sette ponti

Il vino

L'azienda padrone di casa, la Tenuta Sette Ponti, si occuperà di fornire i vini in abbinamento al pranzo che saranno i due vini di punta della loro produzione, l'Oreno (50% di Merlot, per il 40% di Cabernet Sauvignon e per il 10% di Petit Verdot) e Vigna dell'impero, un Sangiovese in purezza.

Tenuta 7 Ponti, Castel Fibocchi, Arezzo, Toscana

Dove:

Tenuta Sette Ponti

Via Sette Ponti 71, Castiglion Fibocchi, Italy

www.tenutasetteponti.it

Per informazioni e prenotazioni

Per informazioni e prenotazioni: Simona Camaiani mail: sc@tenutasetteponti.it - tel: 348 6504484

Se sei arrivato fino a qui non ti rimane altro che condividere con i tuoi amici questo post.


Piccione ripieno arrosto con patate (1)

Piccione ripieno arrosto con patate

Il piccione è una carne considerata prelibata e rappresenta un alimento tipico di alcune regioni dell’Italia centrale. Famoso è ad esempio il piccione ripieno alla folignate, una bomba di gusto dai sapori e profumi decisi e robusti. La preparazione e la cottura del piccione non è però semplice, infatti la sua carne è povera di grassi e quindi se non opportunamente trattata e cucinata può risultare stopposa e di difficile masticazione. Di conseguenza è importante cuocere il piccione senza stracuocerlo, utilizzare della pancetta e magari un ripieno per mantenere la carne umida ed insaporirla con aromi che renderanno il piatto prelibato. In questa ricetta vedremo come preparare un piccione ripieno accompagnato da patate e cuocerlo alla perfezione nel Monolith Kamado Grill.

Piccione ripieno arrosto con patate (1)

Ingredienti
  • 1 piccione
  • 2 fette di pancetta
  • 1 salsiccia
  • 1 cucchiaio di parmigiano
  • 1 cucchiaio di pane raffermo
  • Latte q.b.
  • 1 tuorlo d’uovo
  • ½ chilo di patate piccole
  • 1 rametto di rosmarino
  • 3 foglie di salvia
  • 2 foglie di alloro
  • 1 spicchio d’aglio
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b.

Piccione ripieno arrosto con patate (1)

Accessori Monolith necessari
  • Griglia in acciaio
  • Deflettori
  • Carbone Monolith
  • Pellet al ciliegio

Piccione ripieno arrosto con patate (1)

Preparazione del piccione e delle patate

Fiammeggiate il piccione per eliminare eventuali penne o peluria. Recuperare e tritare i fegatini e i ventrigli finemente. Salate e pepate la superficie esterna ed interna del piccione. Prendete il pane ed ammollatelo nel latte, eliminando l’eccesso strizzando il pane con le mani. Aggiungete il pane, il formaggio grattugiato, il tuorlo d’uovo, il mix di interiora tritati alla salsiccia e amalgamate il composto con le mani. Inserite il ripieno nella cavità interna del piccione e avvolgetelo con delle fette di pancetta insieme ad un rametto di rosmarino.

Nel frattempo pelate le patate e sbollentatele per 5 minuti in acqua salata. In una pirofila da forno mettete dell’olio extravergine di oliva, il piccione e le patate. Salate e pepate le patate ed aggiungete uno spicchio d’aglio, le foglie di alloro e la salvia. A questo punto siamo pronti per la cottura.

Piccione ripieno arrosto con patate (1)

Preparazione del kamado e cottura degli alimenti

Per questa ricetta abbiamo utilizzato il modello LeChef di Monolith in conformazione indiretta.

Procedete come di seguito:

  1. Aggiungete circa 1.5 kg di carbone nel kamado ed accendete i carboni.
  2. Lasciate aperto l’accesso dell’aria in modo tale da avere carboni ardenti.
  3. Adagiate i deflettori, la griglia in acciaio e stabilizzate la temperatura a circa 180°C.
  4. Mettete a cuocere il piccione.
  5. Inserite un pugno di pellet al ciliegio e fate affumicare per circa 15 minuti.
  6. Aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e continuate la cottura.
  7. Fate cuocere la carne per circa 45 minuti.
  8. Chiudete l’entrata e l’uscita dell’aria del monolith e fate riposare il piccione per circa 10 minuti al caldo prima di tagliarlo a metà o in quarti e servitelo con le patate arrostite.

Piccione ripieno arrosto con patate (1)

Sandro Annese

Sandro è uno Chef ed un esperto “grigliatore” che da anni si dedica con passione sia al mondo della cucina che a quello del barbecue e alla griglia. Laureato in Biotecnologie Industriali lavora come manager in una importante multinazionale. Parmigiano d’adozione ma pugliese di nascita, si è sempre dedicato sin da bambino alla cucina, con una predilezione particolare alle cotture della carne e del pesce alla griglia o al barbecue, alla cottura di focacce, pane e pizze al forno a legna.

Sandro è uno Chef e consulente dell'Accademia Monolith e fa anche parte di MONOElite, la squadra ufficiale Italiana di dimostratori Monolith che raccoglie esperti grigliatori non professionisti.

Scarica qui il libro di Monolith con 10 ricette tradizionali italiane realizzate tutte da Sandro con la prefazione di Dario Cecchini.

sandro annese

Scopri un nuovo modo di viaggiare nel mondo con Monolith

Scopri tante ricette internazionali sui siti web Monolith degli altri paesi. Clicca sui seguenti link e inizia un viaggio culinario utilizzando le ricette Monolith:
ricette francesi, ricette tedesche e ricette spagnole.

Se sei arrivato fino a qui non ti rimane altro che condividere con i tuoi amici questo post.