Il carrè di maiale è un pezzo di carne che si presta molto bene per arrosti, difatti rappresenta uno dei piatti tipici della domenica. È spesso accompagnato dalle patate novelle, arrostite e profumate al rosmarino. Ci sono molteplici ricette che riguardano questo piatto, il segreto per avere una carne di maiale non stopposa è la temperatura e la cottura stessa. Anche se potrebbe sembrare strano, il carrè di maiale è un pezzo tendenzialmente poco grasso, per cui sarebbe opportuno lasciare uno strato sottile di grasso sulla superficie della carne per evitare che si asciughi durante la cottura. Inoltre, quel grasso sciogliendosi andrà ad insaporire le patate regalando profumi e sapori incredibili. In questa ricetta realizzeremo un carrè di maiale arrosto, leggermente affumicato al ciliegio ed accompagnato da patate e pomodorini arrostiti.

Ingredienti
  • 700 gr di carrè di maiale
  • 300 gr di patate piccole
  • 1 cucchiaio di senape
  • Qualche pomodorino
  • Zucchero di canna q.b.
  • Aceto di mele q.b.
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 foglie di alloro
  • Aglio in povere q.b.
  • Qualche rametto di rosmarino
  • Salvia q.b.
  • Timo q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Qualche fiocco di burro

Accessori Monolith necessari
  • Griglie in acciaio
  • Deflettori
  • Vaschette in acciaio raccogli grasso
  • Carbone Monolith
  • Pellet al ciliegio

Preparazione degli ingredienti

Sbucciate le patate e bollitele in acqua calda per almeno 5 minuti. Nel frattempo, lavate i pomodorini, tagliateli in 2 e metteteli in una pirofila da forno. Conditeli con sale, zucchero di canna, pepe, olio extravergine di oliva e un goccio di aceto di mele. Prendete un rametto di rosmarino, salvia e timo e sminuzzateli al coltello. Prendete questo mix di spezie e aggiungete un cucchiaino e mezzo di sale, un po’ di pepe, un po’ di aglio in polvere e paprika dolce. Ora, prendete il carrè di maiale, spennellatelo con la senape e spolverate con il mix di spezie la superficie della carne, senza esagerare. In una pirofila da forno mettete le patate, due spicchi d’aglio in camicia, condite con sale, pepe, olio extravergine di oliva, burro, qualche foglia di timo, rosmarino, salvia ed alloro. Ora siamo pronti per la cottura al kamado.

Preparazione del kamado e cottura degli alimenti

Per questa ricetta abbiamo utilizzato il modello LeChef di Monolith in conformazione indiretta con l’ausilio dei deflettori. Procedete come di seguito:

  1. Aggiungete circa 1.5 kg di carbone nel kamado ed accendete i carboni.
  2. Lasciate aperto l’accesso dell’aria in modo tale da avere carboni ardenti.
  3. Adagiate lo smart grid system con i deflettori e le griglie in acciaio, stabilizzate la temperatura a circa 120°C.
  4. Mettete a cuocere i pomodorini, le patate e direttamente sulla griglia il carrè di maiale. Vi consiglio di inserire nella carne una sonda per valutare la temperatura in cottura.
  5. Aggiungete una manciata di pellet al ciliegio e fate affumicare e cuocere per il tempo necessario affinché la temperatura interna della carne non arrivi a circa 50°C e non si formi sulla superficie una bella crosticina di colore mogano.
  6. Subito dopo spostate la carne nella pirofila con le patate e lasciate cuocere fino ad arrivare alla temperatura interna di 68°C.
  7. A questo punto, prendete la carne ed avvolgetela nell’alluminio per farla raffreddare gradualmente fino a circa 55°C.
  8. Alzate la temperatura del kamado aprendo l’entrata e l’uscita dell’aria fate rosolare le patate e i pomodorini per qualche minuto.
  9. Quando la carne è arrivata a temperatura, tagliatela a fette e disponetela su di un piatto di portata con le patate e qualche pomodorino arrostito.

carrè di maiale arrosto con patate e pomodorini (11)

Sandro Annese

Sandro è uno Chef ed un esperto “grigliatore” che da anni si dedica con passione sia al mondo della cucina che a quello del barbecue e alla griglia. Laureato in Biotecnologie Industriali lavora come manager in una importante multinazionale. Parmigiano d’adozione ma pugliese di nascita, si è sempre dedicato sin da bambino alla cucina, con una predilizione particolare alle cotture della carne e del pesce alla griglia o al barbecue, alla cottura di focacce, pane e pizze al forno a legna.

Sandro è uno Chef e consulente dell’Accademia Monolith e fa anche parte di MONOElite, la squadra ufficiale Italiana di dimostratori Monolith che raccoglie esperti grigliatori non professionisti.

sandro annese

Se sei arrivato fino a qui non ti rimane altro che condividere con i tuoi amici questo post.

 

Print Friendly, PDF & Email