Il risotto alla zucca e salsiccia è un primo piatto ricco di sapore che ben si accompagna alle giornate fredde autunnali. La zucca è un ortaggio versatile che può essere abbinato ad un’ampia tipologia di ingredienti e con il suo gusto dolciastro ben si sposa al sapore intenso e saporito della salsiccia. Di tipologie di zucche c’è ne sono diverse e non tutte sono commestibili. In questa ricetta useremo una zucca violina liscia, la cui dolcezza appena accennata la rende ideale per creare una buonissima crema che insaporirà il risotto con la salsiccia. Inoltre, l’utilizzo del kamado per la cottura del risotto conferisce quel particolare aroma di barbecue e sentori affumicati che renderanno questa ricetta alquanto unica e particolare.

Risotto alla zucca e salsiccia

Ingredienti
  • 300 gr di riso vialone nano
  • 250 gr di salsicce
  • 250 gr di zucca
  • 1L di brodo vegetale
  • 50 gr di burro
  • 50 gr di parmigiano reggiano
  • Qualche foglia di timo
  • Mezzo bicchiere di vino bianco
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b

Risotto alla zucca e salsiccia

Preparazione della zucca

Tagliare in 2 la zucca, private dei semi e della buccia. Fate dei pezzi medio piccoli di dimensioni più o meno simili. Mettete i pezzi di zucca in un pentolino d’acciaio, aggiungete 1 mestolo di brodo e 1 mestolo di acqua e la preparazione è pronta per la cottura.

Risotto alla zucca e salsiccia

Preparazione del kamado e cottura della zucca e del risotto

Per questa ricetta abbiamo utilizzato il modello LeChef di Monolith in configurazione cottura diretta ovvero come griglia.

Procedete come di seguito:

  1. Aggiungete circa 1.5 kg di carbone nel kamado ed accendete i carboni.
  2. Lasciate aperto l’accesso dell’aria in modo tale da avere carboni ardenti.
  3. Adagiate la griglia e fatela scaldare.

Risotto alla zucca e salsiccia

Dopo aver preparato il kamado, procedete come di seguito:

  1. Mettete a cuocere la zucca nel pentolino direttamente sulla griglia e chiudendo il coperchio del kamado. Fate cuocere per circa 25 minuti ad una temperatura di circa 180°C.
  2. Quando la zucca è cotta, riducetela a crema con un frullatore a bicchiere, aggiustate di sale e pepe e lasciatela in caldo.
  3. Mettete sulla griglia una pentola e fatela riscaldare. Con le mani spezzettate le salsicce in pezzi medio piccoli eliminando la pelle.
  4. Fate rosolare la salsiccia fino a quando non sarà ben rosolata e brunita.
  5. Con un cucchiaio di legno recuperate la salsiccia e mettete una noce di burro.
  6. Fate sciogliere il burro e mettete a tostare il riso.
  7. Sfumate con il vino bianco e quando sarà evaporato mettete un mestolo di brodo vegetale ben caldo.
  8. Aggiungete altro brodo caldo non appena quello che avete aggiunto in precedenza è evaporato e continuate così fino quasi alla cottura del riso. Per un vialone nano ci vorranno circa 15 minuti.
  9. Qualche minuto prima della cottura ottimale del risotto mettete la salsiccia e girate con un cucchiaio di legno.
  10. Quando il riso è cotto, toglietelo dal kamado, mettete il burro, il parmigiano ed un mezzo mestolo di brodo, qualche granello di sale e pepe e mescolate il tutto con un cucchiaio di legno. Mantecate per ottenere un risotto all’onda bello cremoso.
  11. Mettete un paio di cucchiai di crema di zucca in un piatto e poi il risotto, guarnite con qualche pezzo di zucca a dadini e qualche foglia di timo.

Risotto alla zucca e salsiccia

Sandro Annese

Sandro è un esperto “grigliatore” che da anni si dedica con passione al mondo del barbecue e alla griglia. Laureato in Biotecnologie Industriali lavora come manager in una importante multinazionale. Parmigiano d’adozione ma pugliese di nascita, si è sempre dedicato sin da bambino alla cucina, con una predilizione particolare alle cotture della carne e del pesce alla griglia o al barbecue, alla cottura di focacce, pane e pizze al forno a legna.

Sandro è uno Chef e consulente dell’Accademia Monolith e fa anche parte di MONOElite, la squadra ufficiale Italiana di dimostratori Monolith che raccoglie esperti grigliatori non professionisti.

sandro annese

Se sei arrivato fino a qui non ti rimane altro che condividere con i tuoi amici questo post.